Home Pe. Luiz Carlos - Liturgia 2010_ Natale _ Anno A Omelia Quarta Domenica Avvento 2010
Omelia Quarta Domenica Avvento 2010
 
Dal seno verginale della figlia di Sion
è germogliato colui che ci alimenta con il pane del cielo

 

nº 980
Omelia 4^ Domenica Avvento
19.12.2010
p. Luiz Carlos de Oliveira

Redentorista

“O Cieli, stillate rugiada!”

 La Vergine Concepirà

 Il lamento pieno di speranza che  accompagna, da sempre,  il popolo di Dio nel chiedere il Salvatore, si riflette nella liturgia. Era urgente un Salvatore che "cada dal cielo o germogli dalla terra "(Is 45, 8). La 4^ domenica d’Avvento rivive questo momento e ci prepara al Natale. La Sua nascita è paragonata  ad un Re che esce come sposo dalla stanza nuziale (S. 19,5), per venire  verso di noi come in un incontro amoroso. L’apertura del cuore è simbolizzata dall’apertura delle porte al re della gloria: “Il re della gloria è il Signore Onnipotente…sollevate porte i vostri frontali, alzatevi porte antiche ed entri il re della gloria….Chi salirà il monte del Signore? Chi ha mani innocente e cuore puro” (S. 23).In questa domenica, la liturgia guarda alla nascita di Gesù. Matteo ci colloca nel momento dell’annuncio a Giuseppe. Perché se non era suo figlio? Giuseppe entra nella lista dei patriarchi del popolo di Dio che hanno conosciuto la Sua volontà. Giuseppe garantisce a Gesù la discendenza davidica e della razza di Abramo (ebreo), dal quale è venuta la benedizione per tutte le nazioni, secondo la promessa (Gn 18,18). L’Angelo annuncia che Dio stesso comanda che il bambino dovrà chiamarsi Gesù (Jehô-jeshûá, cioè: il Signore Salva, è il Salvatore). Giuseppe impone il nome, come comandato, questo  instaura la sua paternità terrena assunta come partecipazione  alla volontà di Dio. Giuseppe e Maria sono  l’espressione compiuta del “resto” d'Israele rimasto fedele. Giuseppe, terra di giustizia, popolo che rimane fedele e, Maria, la vergine, totalmente donata a Dio. I tempi sono maturi per la nascita di Dio tra noi. La parola vergine significa anche intatta nella fedeltà all’Alleanza e ai doveri di Madre onorata. Il fidanzamento era già nozze, mancava soltanto la celebrazione della festa. Il testo di Matteo sull’origine di Gesù, mostra, in poche parole, ciò che dobbiamo sapere della Persona e della Missione di Gesù. Il concepimento di Gesù è verginale, poiché è Figlio di Dio, per opera dello Spirito Santo. Si compie la profezia che Egli sarà il Dio con noi.

Partecipazione di vita

 La parola Emanuele era un grido di guerra. Il re gridava: “emanu” (con noi) e i soldati gridavano “El” (Dio) – Dio è con noi – L’Incarnazione è la visita di Dio al suo popolo, come dice il profeta Zaccaria (Lc 2, 78). Non si tratta solo di una semplice visita di Dio, ma dell’entrata di Dio  nella nostra anima, facendoci partecipi della sua vita. Questo avviene nel mistero di Cristo come un tutto. E per questo preghiamo: “Infondi nel nostro spirito la tua grazia, o Padre, tu, che nell’annuncio dell’angelo ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio, per la sua passione e la sua croce guidaci alla gloria della risurrezione” (colletta). All’inizio della Redenzione , il Signore è contemplato quando nasce nella carne. Dal seno verginale della figlia di Sion è germogliato colui che ci alimenta con il pane del cielo e garantisce a tutto il genere umano la salvezza e la pace. Se grande fu la nostra colpa, più grande si è mostrata la divina misericordia in Gesù Cristo (Prefazio). Gesù non ci è passato accanto, è venuto per essere la nostra vita.

Una missione

In ogni messa invochiamo lo Spirito perché santifichi il pane e il vino con la stessa intensità con la quale ha fecondato il seno di Maria (Offertorio). Stiamo, così, in una Incarnazione continua. Abbiamo sempre tra noi l’Emmanuele. È necessario riconoscere questa presenza.  Ma questa è anche una missione. Come Paolo, siamo scelti da Dio per l’apostolato, al fine di poter portare all’obbedienza della fede tutte le genti per la gloria del suo nome. Accogliere l’Incarnazione è contemplare un Bambino e nello stesso tempo impiantare il Regno di Dio nel mondo.

Letture: Isaia 7,10-14; Salmo 23;Romani 1,1-7;
Vangelo:Matteo 1,18-24

 

 

 
© Copyright 2022/2023 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner