Omelia 2^ Domenica Avvento 9.12.2018



Prepariamo il cammino del Signore attraverso il processo della nostra conversione integrale

nº 1812

Omelia 2^ Domenica di Avvento (09.12.18)

Pe. Luiz Carlos de Oliveira

Redentorista

Il Signore ha fatto meraviglie

Preparate il cammino del Signore

L’evangelista Luca nel narrare un fatto importante, gli da una connotazione storica. Con ciò lascia chiaro che le azioni di Dio avvengono in un tempo determinato. Tutto nella nostra vita è unito al tempo di Dio. È la storia di Dio nella storia degli uomini. E usa un linguaggio profetico, come è il caso di Giovanni che andò nel deserto per incontrarsi con Dio. Non per diventare profeta.  Nel suo cammino di fedeltà ha incontrato la fedeltà promessa da Dio (Salmo 145). Per questo gli fu possibile identificare la missione che gli veniva affidata. E quando anche noi ci diamo a Dio, anche noi identifichiamo la nostra missione e ragione di essere. I tempi di Dio incidono sulla nostra vita che resta sempre aperta nell’attesa della sua venuta. Gesù dice: “io sono la via, la verità la vita” (Gc 14,6). Gesù è il cammino. Sia il cammino di Dio verso di noi, sia il cammino che parte da noi per andare a Dio. Perciò la chiamata di Giovanni è molto attuale. Dio continua a venire nel suo popolo. La preghiera della messa ci insegna a chiedere: “Che nessuna attività terrena ci impedisca di correre all’incontro del Cristo che viene”. Per questo Dio dice: “Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri ... e ogni uomo vedrà  la salvezza di Dio” (Lc 3, 4). Vediamo chiaramente nel salmo 125 la gioia di coloro che ritornano dall’esilio. Sembra un sogno. La ricerca di Dio che Giovanni fa nel deserto gli ha insegnato a preparare il cammino per la venuta di Cristo. Non si riferisce soltanto al Natale, o alla sua venuta alla fine dei tempi, ma alla continua venuta di Dio che ci offre la salvezza. Quando la nostra ricerca incrocia il cammino di Dio questo si impianta in noi.

Le meraviglie si ripetono

La via spianata, i monti abbassati e le strade tortuose raddrizzate, il testo è preso dal profeta Baruc (Bar 5, 1-9), che preparavano il ritorno del popolo dall’esilio. Questo grandioso fatto di Dio verso il  popolo continuava la grandezza della liberazione dall’Egitto. Ora non più da un deserto mortifero, ma nella bellezza della restaurazione. Tutto è opera dell’amore di Dio: “Dio guiderà Israele, con gioia, alla luce della sua gloria, con la misericordia e la giustizia che da Lui procedono” (Bar 5,9). La venuta di Giovanni Battista chiama a conversione. Il male che pratichiamo viene paragonato all’esilio. Il cammino di ritorno che aumenta la gioia è paragonato alla conversione. Nella prospettiva della fine dei tempi e anche della venuta del Signore a Natale, si esige la conversione. Senza di essa tutto resta una pura fantasia. Perdere il senso Divino della venuta di Cristo, tanto a Natale come per la fine dei tempi, è continuare a restare in esilio, anche avendo tutto quello che ci serve ora. Così i giudei dicevano che erano meglio le pentole di cipolle dell’Egitto che la libertà (Nm 11,5). La conversione porta la ricchezza e doni maggiori. Come cristiani, non possiamo fissarci soltanto su una pietà intimista. Abbiamo la missione di preparare il mondo per la venuta del Signore.

Ministero della tenerezza

Paolo unisce l’evangelizzazione ai sentimenti di tenerezza, di nostalgia e di amore condiviso. Evangelizziamo la persona intera, ed evangelizziamo come persone complete. Il ministero della tenerezza è il veicolo più forte per l’evangelizzazione. Leggiamo: “Mosè era un uomo molto mansueto più degli uomini della sua epoca” (Num 12,3) Gesù disse: “Io sono mite e umile di cuore” (Mt 11,29). La parola grazia di Dio è legata al gesto di Dio che si abbassa per abbracciare e rialzare. Quanta aggressività incontriamo nelle comunità e in nome di Dio! E proprio Giovanni  ha l’umiltà di dire: “Che Egli (Gesù) cresca e che io diminuisca” (Gv 3,30). E questo è anche ciò che vale per noi!

 

Letture: Baruc 5,1-9; Salmo 125; Fil. 1,4-6.8-11; Luca 3,1-6.




 
© Copyright 2019/2020 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner
Musica di sottofondo estratta da "Deus Caritas Est" Composta e Prodotta da Roberto Bonaventura »