Home Angolo del Fanciullino Racconti d'Inverno Il Natale viene in inverno - Le prime creature a vedere Gesù
Il Natale viene in inverno - Le prime creature a vedere Gesù
Indice
Il Natale viene in inverno
Non c'era posto per loro
Il Natale
Gesù tra le braccia
Le prime creature a vedere Gesù
La stalla di Betlemme
l'annuncio ai pastori
La visita dei pastori
I Magi in cerca di Gesù
I Magi a Gerusalemme
La visita dei Magi
La fuga in Egitto
Vita a Nazareth
Tutte le pagine
















 
  
                     

Gli animali furono le prime creature a vedere Gesù
appena giunto sulla terra

Di loro dice san Paolo che anche esse attendono da Dio,
di essere   liberate  dalla  schiavitù   della legge naturale
che le costringe per istinto a sbranarsi a vicenda.

Nella lettera che Paolo scrive ai Romani, nel capitolo 8 dice:
"La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio,       
essa infatti è  stata  sottomessa alla caducità, non   per suo volere, ma per
volere di colui che l'ha sottomessa    -    e nutre   la   speranza di essere lei
pure liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della
gloria dei figli di Dio. Sappiamo infatti che tutta la creazione geme e soffre
fino ad oggi nelle doglie del parto"


Nell'ombra del presepe , giace povero e umile, il Creatore del mondo               
e la sua tenerezza si espande su tutte le creature



Tutte le creaturte lodano la grandezza di Dio che si manifesta nella creazione. Tutte le creature, sono chiamate ad aderire a questo canto di lode, per questo
nei salmi si trova  l’invito:  “Si rallegrino gli alberi della foresta davanti al Signore che viene” . Sì, Gesù è venuto e gli alberi della foresta lo acclamano.

Gli alberi nelle città e nelle case, a Natale, dovrebbero essere più di un’usanza festosa: essi indicano Colui che è la ragione della nostra gioia: il Dio che viene, il Dio che per noi si è fatto bambino. Quel bambino, è proprio Colui che è lo stesso albero della vita. Un antico Padre della Chiesa chiamato Origene,
scrisse riguardo ai pagani: " “Privi di sentimento e di ragione, si trasformano in pietre e in legno”  .  Già  perfino gli alberi e le altre  creature   esultano   e acclamano il Dio che viene tra noi, ma il cuore di molti uomini, a volte, è più duro del legno e della pietra, e non sa lodare e accogliere Dio.






 
© Copyright 2021/2022 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner
Musica di sottofondo estratta da "Deus Caritas Est" Composta e Prodotta da Roberto Bonaventura
Creazione Siti Web - Realizzazione Siti Web Roma