Home Pe. Luiz Carlos - Liturgia 2022 _ TUTTI I TESTI_ Anno C L'Incarnazione continua, articolo 2021
L'Incarnazione continua, articolo 2021






n.2131

Articolo

Pe. Luiz Carlos de Oliveira

Redentorista

Ha piovuto dalle altezze

Incarnazione continua

La riforma liturgica ha ripristinato il necessario ricordo della seconda venuta di Cristo. Questa ora è più importante della prima, che ha già compiuto la sua parte. Con questo l’aspetto dell’Avvento, imitazione della Quaresima, resta ben diluito. Il mistero dell'Incarnazione non si limita al tempo del Natale, alla nascita di Gesù e   alle celebrazioni che seguono. E poi entra in silenzio fino a quando non si comincia a sentire la mancanza di questo tempo gustoso pieno di tenerezza.  L'Incarnazione coinvolge tutto il mistero di Cristo e si manifesta in tutte i suoi aspetti. Dio ha voluto comunicarSi per attirare a Se l'intero universo creato e tutti gli esseri, in particolare l'uomo e la donna creati da Lui. Dio comunica sempre e chiama sempre alla partecipazione alla sua vita.  È proprio dell'amore diffondersi e attrarre a se    Ma è venuto e si è manifestato nel suo Figlio incarnato, che va all'estremo del suo essere umano nella morte e nella tomba. Tutto ciò che è umano è presente in Cristo. Vogliamo mistificare in modo da non impegnarci. Ci sono molti segmenti della società e della Chiesa che temono di essere umani. Questo toglie l'impegno verso l'altro, specialmente verso coloro che hanno diminuito la loro condizione umana. Questi sono chiamati poveri e abbandonati. Anche il Figlio si identificò con loro. Egli non rifiuta coloro che possiedono, ma vuole che portino frutti di misericordia.  Ma sappiamo che i poveri sono quelli che aiutano gli altri poveri.

Una Chiesa che si incarna

L'incarnazione è ancora presente nella Chiesa, tanto che il più grande insegnamento del Concilio è l'incarnazione della Chiesa nel mondo di oggi. La Chiesa del 10 ° secolo parlava a quegli uomini del 10 ° secolo. Vitor Coelho ha detto che la Chiesa non è di bronzo, perché questo arrugginisce. È un albero che ha un tronco solido e nuovi rami.  Senza i nuovi rami, non cresce. Non crescendo può morire. Questo è ciò che vediamo in così tanti paesi sottosviluppati. Pertanto, l'Incarnazione non si esaurisce a Natale. Continuate ad assumere le condizioni umane per raggiungere ogni uomo. Occorre uscire dal proprio se. Possiamo vedere la sclerosi spirituale che distrugge tutto il senso del Vangelo. Le persone hanno diritto alla bellezza, ma hanno anche altri diritti. Diritto alla purezza del Vangelo. L'evangelizzazione che non va all'uomo concreto nel suo mondo non è una continuazione dell'Incarnazione. I sacramenti, la pastorale, le strutture ecclesiali continuano Gesù Cristo nella sua missione e nella sua vita. Non si tratta solo di un ricordo, ma è una attuazione. È Cristo che continua. Una delle prime cose da fare è  andare nelle comunità più svantaggiate. Gesù non è nato in una sala, ma in un luogo esterno e povero, dove c'erano gli animali e anche altri estranei.

Per un Natale incarnato

Abbiamo perso il fascino del Natale. Forse perché eravamo solo nell'incantesimo. È stato un momento bellissimo. Può darsi che la bellezza senza contenuto sia appassita. Il contenuto del Natale è Gesù che viene a comunicare la presenza reale di Dio tra le persone. Mia cognata e la mia famiglia fanno il Natale in un asilo e donano i regali e organizzano la festa. Mio fratello, essendo andato ad aiutare nella distribuzione dei regali, vedendo la felicità dei bambini, disse che era il primo Natale della sua vita. Era più felice dei bambini. Nell’uscire da noi stessi, verso i bisognosi, ripetiamo il gesto di Dio nel suo venire a noi, donandoci come dono se stesso, nel suo Figlio. Questo è Natale.






 
© Copyright 2022/2023 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner