Home Pe. Luiz Carlos - Liturgia 2022 _ TUTTI I TESTI_ Anno C Festa della Sacra Famiglia, Omelia 26.12.2021
Festa della Sacra Famiglia, Omelia 26.12.2021







La famiglia è il luogo dove Dio abita con il suo amore e nella famiglia si realizza l’amore nelle condizioni umane. La famiglia esiste quando è una scelta personale di ciascuno. Ci saranno comunque, sempre problemi, perché è un segno di crescita. Chi forma una famiglia è chiamato a costruire una nuova casa. Questo esisterà quando ciascuno si lascerà comporre con l'altro. Senza questo, non c'è famiglia. Vediamo Gesù, Maria e Giuseppe, ciascuno uscito da se stesso. Gesù lascia il seno del Padre, Giuseppe lascia una vita stabile per assumere ciò che non era suo. Maria lascia la sua verginità per assumere una maternità miracolosa. Ecco perché sono il modello per la famiglia

nº 2134

Festa della Sacra Famiglia(26.12.21)

Omelia

Pe. Luiz Carlos de Oliveira

Redentorista

Stare nella casa del Padre

Un comandamento più grande

Le tavole della legge ci mostrano i comandamenti riguardanti Dio e il prossimo. Nella prima, Dio è la sorgente di ogni vita e santità. Nell’altra ci sono i sette comandamenti riferiti all'essere umano. È la vita di Dio in noi. Si noti che raggiungono tutte le dimensioni dell'essere umano. I comandamenti non sono leggi per limitare la vita umana. Sono indicazioni dove passa il sentiero della vita e della felicità. Il quarto comandamento accoglie l'uomo e la donna nella loro vita concreta. Abbiamo la Parola di Dio, abbiamo la Chiesa, abbiamo i sacramenti. Cosa significa il quarto comandamento? È nella famiglia che impariamo a vivere tutti gli altri comandamenti. Ogni comandamento non osservato ferisce la famiglia. “Nessuno ha mai visto Dio. Se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e il suo amore in noi è perfetto» (1 Gv 4,12). Non c'è amore, se non esistenziale. Dove può succedere? In famiglia. La famiglia è dove Dio abita per il suo amore. Nella famiglia c'è la presenza di Dio. È il luogo dove l'amore può essere perfetto: «Chi onora il Padre ottiene il perdono dei peccati; evitate di commetterli e sarete esauditi nella preghiera... nel giorno in cui pregherete vi sarà risposto» (Sir 3,4). E mettiamo il perdono dei peccati solo nella confessione. La forza della preghiera è nell'amore per i genitori. E Dio ha cura degli anziani: “Sostieni tuo padre nella vecchiaia... la carità verso tuo padre non sarà dimenticata, ma servirà a riparare i tuoi peccati” (id 14,16). Potresti pensare che Dio non ascolti la tua preghiera, non superi i tuoi peccati. Guarda come ti prendi cura dei tuoi genitori...

L’amore umano è divino

La famiglia è il luogo dove l'amore si realizza. È facile amare gli estranei. Amare chi è in casa, la famiglia, richiede l'abbandono di se stessi. Avere amici fa bene. La gente ama e può andarsene quando vuole. Invece amare ogni giorno, anche nella sofferenza e nel dolore, anche nelle relazioni difficili... è divino. L'amore di Dio nel vangelo predicato da Gesù trova nella famiglia la sua prima casa e la sorgente dell'amore per gli altri. Questa non è poesia. È una croce, non di dolore, ma di redenzione. Nella famiglia l'amore si realizza nelle condizioni umane, come descritto nella Parola di Dio. Paolo scrive ai Colossesi: “Rivestitevi dunque, come amati di Dio, santi e diletti, di sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza; sopportandovi a vicenda e perdonandovi scambievolmente, se qualcuno abbia di che lamentarsi nei riguardi degli altri. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi. Al di sopra di tutto poi vi sia la carità, che è il vincolo di perfezione” (Cl 3, 12-14). Tutto quello che Dio ci ha rivelato per arrivare alla vita eterna, il vangelo predicato da Gesù,  sta nella famiglia e dalla famiglia arriva a tutte le dimensioni della vita. Per questo diciamo che la persona ha una culla. La culla cristiana è cullata dalle mani di Gesù.

Piccolo problema

È misteriosa la perdita di Gesù da parte dei suoi genitori e l’atteggiamento che egli assume nel comunicare loro. Per questo Maria gli chiede: “Perché ti sei comportato così con noi?”. Non era sua abitudine. Qui vediamo una "disobbedienza" di Gesù, contro il quarto comandamento. Maria trova strano cambiare il suo modo di agire. D'altra parte, l'evangelista sta dando un messaggio ai parenti di Gesù: Egli appartiene al Padre, non è solo uno della famiglia. È al servizio di Dio. In ogni caso, è misterioso. Ma la vita continua in famiglia, "ed Egli era loro obbediente". È il modello finito di adempimento del 4° comandamento: "Onorare padre e madre". Vediamo Maria assumere l'atteggiamento di una madre. Ha autorità su Gesù. Perciò crescerà in sapienza, statura e grazia (Lc 2,52).

 

Letture: Eclesiástico 3,3-7.14-17ª; S 127; Col 3,12-21; Lc 2,41-52.







 
© Copyright 2022/2023 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner