Home I Santi Storie di Santi MISTICI - da dialoghi di Maria Valtorta la Pasqua non cesserà mai
MISTICI - da dialoghi di Maria Valtorta la Pasqua non cesserà mai






“Questo mese (quello della Pasqua) sarà per il mondo il principio di un nuovo tempo. Non cesserà mai più. Inutilmente, di tanto in tanto, l’uomo cercherà di metterne di nuovi. Coloro che vorranno mettere un tempo nuovo, portante il loro nome idolo, saranno fulminati e percossi. Non c’è che un Dio in Cielo e un Messia sulla Terra: il Figlio di Dio, Gesù di Nazaret.” (MV, 589,4)

 “Sono sempre le profanazioni al culto di Dio, alla Legge di Dio, quelle che provocano i castighi del Cielo. Facendo della Casa di Dio una spelonca di ladri, quei sacerdoti indegni e quegli indegni credenti (di nome soltanto) attiravano su tutto il popolo maledizione e morte. Inutile dare questo o quel nome al male che fa soffrire un popolo. Cercate il giusto nome in questo “Punizione per un vivere da bruti”. Dio si ritira e il male avanza. Ecco il frutto di una vita nazionale indegna del nome di cristiana. Come allora, anche ora, in questo scorcio di secolo, non ho mancato con prodigi di scuotere e richiamare. Ma, come allora, non ho attirato su Me e i miei strumenti che scherno, indifferenza e odio. Singoli e nazioni però ricordino che inutilmente piangono quando avanti non vollero conoscere la loro salvezza. Inutilmente mi invocano quando nell’ora in cui ero con loro mi cacciarono con una guerra sacrilega che, partendo dalle singole coscienze, devote al male, si sparse per tutta la Nazione. Le Patrie non si salvano tanto con le armi quanto con una forma di vita che attiri le protezioni del Cielo” (MV 590,9)

 “L’Altissimo ha promesso di non mandare più castighi universali come il diluvio. Promessa di Dio non falla....Sì – risponde Gesù a Giuda di Simone – è vero l’Altissimo non manderà più flagelli universali come il diluvio. Ma gli uomini se li creeranno da loro dei flagelli sempre più atroci, rispetto ai quali il diluvio e la pioggia di fuoco che sterilì Sodoma e Gomorra saranno aspetti di castighi ancora pietosi.Oh! ... Gesù si alza in piedi con un gesto di angosciosa pietà per le genti a venire” (MV, 584,14)

(dai dialoghi di Gesù con Maria Valtorta. l'Evangelo come mi è stato rivelato)


La memoria pasquale è creatrice di un mondo nuovo. Con Gesù la notte del mondo è vinta e la luce del mattino si apre per l'intero universo. “E fu sera e fu mattina, primo giorno”  (Gn 1,5)

Gesù è il Signore della Storia, è il liberatore, il ricapitolatore. A Lui spetta dire:  “Ecco faccio nuove tutte le cose” (Ap. 21. 5) Gesù è il principio e la fine, l’Alfa e l’Omega. Solo a Lui, dunque , spetta l’ultima parola!


 
© Copyright 2021/2022 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner
Musica di sottofondo estratta da "Deus Caritas Est" Composta e Prodotta da Roberto Bonaventura
Creazione Siti Web - Realizzazione Siti Web Roma