Home Pe. Luiz Carlos - Liturgia 23_2021_TUTTI I TESTI_Anno B Omelia Festività Santi Pietro e Paolo 2021
Omelia Festività Santi Pietro e Paolo 2021







Potremmo essere in grado di affermare la fragilità degli altri senza bisogno di lanciare sassi?  Pietro e Paolo ci insegnano come sopravvivere alle grandi tempeste.

nº 2084

Omelia di San Pietro e San Paolo (04.07.21)

Pe. Luiz Carlos de Oliveira

Redentorista

Pietre di fondazione

uomini per Gesù

L'incarnazione unisce ogni azione di Dio per la nostra salvezza. Questa è partecipazione alla Vita Divina. Non è solo la nascita di un bel bambino. L'incarnazione è stata la più grande manifestazione che Dio ha fatto all'umanità. È venuto personalmente nella persona di suo Figlio Gesù, l'Uomo-Dio. Questo è il fondamento di tutta la vita cristiana. Ecco la differenza tra credenza e fede. L'unica spiegazione accessibile è l'affermazione: nel suo immenso amore si è fatto uomo per condurci a partecipare alla sua Divinità. I grandi maestri della fede dicono che ciò che era visibile in Gesù come uomo è presente nei sacramenti. È così che Dio ha scelto di continuare Gesù in mezzo a noi. Pietro, per la sua fede, riceve le “chiavi” del Regno dei Cieli (Mt 16,19). Paolo riceve la missione: “Quest'uomo è per me un vaso eletto per portare il mio nome davanti alle genti, ai re e ai figli d'Israele” (At 9,15). Ha il potere – la missione – il servizio che Gesù gli trasmette. Quindi possiamo capire che questi uomini, Pietro e Paolo, continuano la missione di Gesù nella condizione umana. Dobbiamo accettare che l'umano è il mezzo che Dio ha assunto per comunicarci il Divino. Così, Pietro e Paolo, e tutti coloro che sono nella linea del loro ministero, realizzano un’Incarnazione continua. Come espressione dell'essere di Gesù, hanno anche la sua missione. Su queste pietre Gesù ha edificato la sua Chiesa. Non possiamo dire che Gesù ha dato la fede e noi abbiamo fatto la Chiesa. La fede percorre lo stesso cammino di Gesù. Sentiero dell'umanità. Non c'è fede al di fuori di questo.

fede che costruisce

Celebriamo Pietro e Paolo, uniti nella stessa fede in Cristo, nella sua morte, così fondarono la Chiesa. Cantiamo nel prefazio: “Oggi celebriamo Pedro e Paolo. Pietro, il primo ad annunciare la fede, fondò la Chiesa primitiva sull'eredità di Israele. Paolo, maestro e dottore delle nazioni, annunciò loro il Vangelo della Salvezza”. La memoria congiunta di questi due apostoli vuole rompere ogni divisione della Chiesa tra ebrei e gentili. Al Concilio di Gerusalemme abbiamo potuto vedere come si sono creati due modi di essere Chiesa. E non c’era problema: i cristiani ebrei avrebbero vissuto come credenti ebrei in Cristo. I pagani avrebbero vissuto la loro fede nel mondo pagano. È vero che anche loro sono stati edificati sulla Parola di Dio, ma non sulle tradizioni giudaiche. E vissero molto bene, anche nell’aiuto della carità. I pagani divenuti cristiani amavano aiutare i poveri di Gerusalemme. È un insegnamento molto grande per noi che vorremmo  una stretta obbedienza ai dettagli minori. Siamo ancora nel regime giudaico? La preghiera conclusiva dell'Eucaristia ci mette in guardia su come vivere nella Chiesa: « Concedi, Signore, alla tua Chiesa, che hai nutrito alla mensa eucaristica, di perseverare nella frazione del pane e nella dottrina degli Apostoli, per formare nel vincolo della tua carità un cuor solo e un'anima sola” (Dopo-Comunione)

il Signore al mio fianco

Possiamo imparare dai due apostoli come sono sopravvissuti alle grandi tempeste che hanno dovuto affrontare. La loro passione per Cristo li portava sempre a superare: Paolo dice: «Il Signore era con me e mi ha dato forza» (2Tm 4,17). Pietro, uscendo miracolosamente dal carcere, dice: «Ora so che il Signore ha mandato il suo angelo per liberarmi dal potere di Erode e da tutto ciò che il popolo ebraico si attendeva» (At 12,11). I veri apostoli sono perseguitati anche dagli stessi cristiani. Ma restano fermi. Per questo preghiamo: "Concedi alla tua Chiesa di seguire in tutto gli insegnamenti di questi Apostoli che ci hanno dato i primi frutti della fede". Continuano l'Incarnazione, seguendo la missione di Gesù. Santi meravigliosi!

 Letture:At.12,1-11;Salmo 33;2 Tim 4,6-8.17-18; Mt. 16,13-19




 
© Copyright 2021/2022 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner
Musica di sottofondo estratta da "Deus Caritas Est" Composta e Prodotta da Roberto Bonaventura