Omelia 16^ Domenica T.O. 18.7.2021





È necessario imparare il mestiere del Cuore Compassionevole di Gesù per essere un Buon Pastore.

nº 2088

Omelia 16^ Domenica T.O. (18.07.21)

Pe. Luiz Carlos de Oliveira

Redentorista

Il Buon Pastore

Ebbe compassione

Il salmo che canta il Signore come pastore che sorregge, guida et prepara una mensa, ritrae il cuore di Dio, pastore del suo popolo. Gesù traduce il cuore di questo Padre nell'adempimento della sua missione. Per riassumere in poche parole la vita di Gesù, basta dire: misericordia e compassione. Coinvolge ogni sentimento di Gesù. Non si tratta di avere pietà, ma di assumere atteggiamenti che risolvono. Ecco perché Gesù faceva miracoli. Queste parole sono il contenuto del suo insegnamento. Assumendo la sua incarnazione, Gesù assume la nostra condizione umana. La sua attività si riassume nel lasciarsi penetrare nella vita delle persone. La Chiesa che continua la sua missione, se non si impregna di questo sentimento come vita, non la compie. Preferiamo le idee alle azioni. È comune sentir dire da certe mentalità che non possiamo mettere da parte la giustizia. Chiediamo giustizia per gli altri. Ma lei giudicherà  anche noi. La nostra giustizia non ha sentimento. Quella di Gesù, appresa dal Padre, significa amore e santità. La misericordia non è un sentimento. È un atteggiamento che chiama Gesù il Buon Pastore. Egli è totalmente rivolto alle sue pecore. Il riposo per Gesù si trasforma anche in un'altra attività. La gente non perdona, né pensa che Gesù abbia bisogno di riposare e va alla ricerca del conforto, della guarigione, della consolazione. Questo è il riposo di Gesù, perché la gente non stancava. La gente non è stancante.

 guai ai pastori

Gesù è il buon pastore. Ciò che leggiamo nel profeta Geremia, 23,1-6, ha il parallelo in Ezechiele 34,1-31: entrambi profetizzano contro i pastori malvagi del popolo. I re erano considerati i pastori del popolo, al posto di Dio. «Un'antica immagine del re pastore è nel patrimonio letterario d'Oriente. Geremia si rivolge ai re d'Israele, per rimproverarli per il cattivo svolgimento delle loro funzioni e per annunciare che Dio darà al suo popolo nuovi pastori, che lo pasceranno con giustizia» (Bibbia di Gerusalemme, commento, p. 11.62). Il cattivo pastore è colui che può avere molta devozione, ma non ha il cuore del Buon Pastore. Questo è ciò che impariamo dalla devozione al Sacro Cuore. Senza di essa, il culto diventa vano. I cattivi pastori, tanto della Chiesa che della società, pensano a se stessi. Geremia dice: «Guai ai pastori che fanno perire e disperdono il gregge del mio pascolo. ... avete disperso le mie pecore, le avete scacciate e non ve ne siete preoccupati; ecco io vi punirò per la malvagità delle vostre opere” (Ger 23,1-2). Sant'Agostino, nel sermone 46, sui pastori, li chiama “pastori che pascolano se stessi, non le pecore”... I Buoni pastori “con maggiore liberalità adempiono al loro ufficio di misericordia. Possono, e ciò che possono, fanno”. Comme pecore sono i poveri, i sofferenti, i malati... Sono quelli di Gesù.

nuovi pastori

Il profeta annuncia i nuovi pastori che seguono il modello di Gesù. Il pastore che ama il suo popolo ha creatività. Sono poveri perché non sfruttano le pecore. Gli altri si arricchiscono e la gente continua a soffrire. Come insegna Paolo, porta tutti all'unità. Il buon pastore conosce le pecore ed esse conoscono lui. Il Buon Pastore ha dato la vita per le sue pecore. Il buon pastore impegna la sua vita per il bene delle pecore. Sarà buon pastore solo chi segue un cammino di santità con Gesù. Quanto  più il suo cuore si unisce al Cuore di Gesù, più avra le pecorelle nel suo cuore. Se non cerca le pecore, non troverà la strada che faceva Gesù. È per misericordia che ci ha salvati.

Letture : Ger 23. 1-6 ; Salmo 22 ; Ef. 2. 13-18 ;Mc 6,30-34







 
© Copyright 2021/2022 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner
Musica di sottofondo estratta da "Deus Caritas Est" Composta e Prodotta da Roberto Bonaventura